Autore Topic: Prima uscita e prime dichiarazioni.  (Letto 573 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Roberto Rossi

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2016
  • Post: 1118
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #30 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 10:52 »
Certo, Alvini, proprio lui.

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1898
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #31 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 10:57 »
Non c'è confusione in chi scrive qui, ci sono pensieri e opinioni contrastanti come è giusto che sia. C'è piu' confusione in chi costruisce la squadra e non da oggi.

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3873
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #32 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 11:17 »
Ma infatti. Ogni modulo è buono se hai gli uomini giusti. Caserta ha solo quattro anni di carriera sulle spalle. Ovvio che non abbia ancora un grosso curriculum. Ha comunque vinto due campionati di C, in modo diverso. Alvini ne ha tanti di più, alcuni buoni, vedi Reggio, altri pessimi, vedi Pistoia, altri ancora interlocutori. Immagino abbia cercato di attuare sempre il suo calcio. Quello che gli è riuscito con la Reggiana, non gli era riuscito con l'Albinoleffe. Quello che sostengo è che ogni interpretazione di gioco è di per sé buona se funziona, pessima se non funziona. Non puo esserlo a priori. Presentare Alvini come un profeta di chissà quale calcio sembra quasi attribuirgli la capacità di successo a priori, ma questo sarebbe valso per chiunque altro. Non vorrei sembrasse una questione personale come scioccamente scrive e ci attribuisce qualche nostro detrattore. Tutti gli allenatori che sono arrivati a Perugia sono stati accolti con un po' di scetticismo, tranne forse qualche eccezione. Bisoli fu scelto per i suoi successi col Cesena e per la sua carriera, salvo poi constatare che senza gli uomini giusti il suo flop fu inevitabile. Per esempio dire che il summit di Alvini in mezzo al campo ne denota autorevolezza e forza contrattuale, conoscendo Santopadre e Giannitti (che sembra avrebbero voluto liberarsi di Caserra a gennajo), mi sembra alquanto prematuro e un po' presuntuoso. Se non bastano una conferenza, una esibizione e alcune dichiarazioni a farsi un'idea del personaggio, critica che mi viene rivolta, come si può evincere da una chiacchierata in mezzo al campo che Alvini possieda questa prerogativa? A meno che non sia suggerito da altre fonti. A meno che non si voglia convincere non si sa chi, che comunque la perdita di Caserta (perché tale la considero) sia tutto sommato un bene per il fatto che abbiamo preso un tecnico sicuramente vincente. Ovviamente sono solo impressioni peesonali. Mi si dice che fare giornalismo significa attenersi ai fatti, fare cronaca e informare, lasciando al lettore la possibilità di trarre le conclusioni o farsi una idea propria. In alcuni casi, francamente, mi sembra di leggere la Pravda o l'Unità di qualche decennio fa, o Libero, o la Padania di oggi. Da colpi di mercato annunciati e mai realizzati, oppure acquisti dal promettente avvenire e dalle plusvalenze assicurate, che risultano rivelarsi flop o come con Dragomir delusioni tecniche e economiche. Acquisti i utili se non dannosi come i vari Pavlovic, Alhassan,  Rajcovic, annunciati in pompa magna ma poi andati via senza alcun rimpianto e senza aver letto nessun commento su queste operazioni fallimentari. Abbiamo letto nulla su Dragomir dopo che ci avevano detto che avrebbe fruttato milioni di euro? Nemneno un accenno. Perso a zero euro. È quelli che ci prendevano per criticoni e detrattori di Santopadre e Goretti ora non hanno nulla da dire o da scrivere?

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 2397
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #33 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 13:17 »
potrei sbagliare, ma penso di interpretare il pensiero di Marco Perugia in altro modo, ovvero l'apprezzamento per un'idea di calcio offensiva alla quale tentare di non rinunciare, stile zemaniano, anche a fronte degli uomini a disposizione. L'idea ha un fascino e va difesa e su questo io che sono un inguaribile romantico punto sempre. Poi c'è la realtà dei fatti e a quella pure Alvini dovrà adeguarsi ...purtroppo aggiungo. Poi c'è il silenzio, che a volte è d'oro...e per questo per me Alvini è partito col piede sbagliato....
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3873
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #34 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 14:11 »
Ma io condivido il pensiero di Marco. La mia preoccupazione si fonda sul fatto che da anni vediamo questi siparietti ogni estate ... Poi, un mercato obbligato, scelte discutibili e rapporti che si logorano mandando tutto a puttane. Penso che Alvini debba provarci e ha tutto il nostro appoggio. Spero gli diano chi vuole lui, se veramente ha questo ascendente su Santopadre e Giannitti. Il personaggio Alvini è un'altra cosa. Il suo modo di porsi non mi è piaciuto, ma non devo mangiarci una pizza. Poi col tempo si dimostrerà una persona  squisita e simpatica. Ora come ora mi è sembrato un personaggio alla Panariello. Ma non deve piacere a me. Deve vincere col Perugia. Lo capisse anche il nostro detrattore al quale consiglio un ripassino grammaticale.
« Ultima modifica: Lunedì 19 Luglio 2021, 14:18 da Marco Casavecchia »

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 1109
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #35 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 16:23 »
Ma che va fatto un mercato in entrata di un certo livello e che attualmente la rosa è impresentabile è talmente chiaro che anche chi non conosce la regola del fuorigioco lo capisce. Con la rosa di oggi più che un allenatore serve un mago, un veggente e una strollaca  in panchina.
Poi una cosa del tutto personale è che mi piace una figura come Alvini che per arrivare a certi livelli ha dovuto scalare tutte le categorie (ho letto che è partito addirittura dalla uisp) in 20 anni di carriera senza scorciatoie fatte da spinte e spintarelle piuttosto di chi si trova ad allenare fin dal giorno zero in queste categorie. Meritocrazia insomma.
Aggiungo quindi che se sei un incapace ed un'incompetente questo percorso non lo fai ed ecco perché non comprendo certi giudizi sommari preconcetti soprattutto da chi ha sempre auspicato di guardare nelle categorie inferiori per scegliere allenatori e giocatori. Dare un occhio alla carriera di Venturato per esempio.
Poi non ho idea se farà bene o male con il Perugia  ma nel dare il giudizio sull'allenatore va sempre  tenuto conto anche del materiale a sua disposizione.
« Ultima modifica: Lunedì 19 Luglio 2021, 16:30 da Marco Perugia »

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3873
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #36 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 18:35 »
Ma questo purtroppo è sempre esistito. Poi trovi un Sacchi che nemmeno ha giocato a calcio, come Alvini, ed arriva in alto. Anche   Cosmi è partito dal basso ed è arrivato a certi livelli. Non credo che Caserta sia un raccomandato ma uno in gamba bravo anche da giocatore. Magari Alvini è partito dal basso perché non inserito nel mondo del calcio. Forse non ha avuto le occasioni giuste o chi ha creduto in lui. Può anche darsi che abbia dei limiti che non conosciamo. Che ne sappiamo? Comunque tra Albinoleffe e Reggiana un po' di esperienza se l'è fatta. Speriamo serva.Restano alcune stagioni in chiaroscuro e il fatto che Perugia, con tutto il rispetto, è una piazza un po' più complicata di altre
« Ultima modifica: Lunedì 19 Luglio 2021, 18:38 da Marco Casavecchia »

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 1109
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #37 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 18:44 »
Ma questo purtroppo è sempre esistito. Poi trovi un Sacchi che nemmeno ha giocato a calcio, come Alvini, ed arriva in alto. Anche   Cosmi è partito dal basso ed è arrivato a certi livelli. Non credo che Caserta sia un raccomandato ma uno in gamba bravo anche da giocatore. Magari Alvini è partito dal basso perché non inserito nel mondo del calcio. Forse non ha avuto le occasioni giuste o chi ha creduto in lui. Può anche darsi che abbia dei limiti che non conosciamo. Che ne sappiamo? Comunque tra Albinoleffe e Reggiana un po' di esperienza se l'è fatta. Speriamo serva.Restano alcune stagioni in chiaroscuro e il fatto che Perugia, con tutto il rispetto, è una piazza un po' più complicata di altre
Non è che ogni volta che scrivo parlo di Caseta. Anzi non alludo a lui mai. Per me Caserta è il passato, morto e sepolto con un giudizio positivo e un grande ringraziamento. Non vorrei che vi siete fissati con sto caserta.
Pensavo più a Pirlo. Caserta almeno nonostante ha fatto un ottima carriera da giocatore per allenare  ha fatto il vice in serie c e poi ha iniziato da solo proprio in c.
Piuttosto ho fatto l'esempio di venturato ma sarà un altra eccezione... se guardate bene di eccezioni ce ne sono parecchie.
Ultima cosa non capisco perché non ritieni formativi i campionati dilettanti. L'esperienza Alvini k'ha fatta anche in quei campionati e non solo Albinoleffe e Reggiana.
« Ultima modifica: Lunedì 19 Luglio 2021, 18:51 da Marco Perugia »

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3873
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #38 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 19:09 »
Non è che quando scrivo di Caserta penso a te. Ovvio che il confronto sarà fatto con lui. Se parlo di Caserta o di Cosmi o chiunque altro è semplice statistica. Non è che faccio il difensore di ufficio di Caserta. Magari fa un flop a Benevento e in molti saranno contenti. Ma non dobbiamo nemmeno già tessere le lodi di un tecnico che avrà pur fatto bene ma che dovrà confrontarsi con una piazza ed una società diverse da quelle in cui è stato. Invece mi sembra che si dia per scontato che la sua cartiera.
, il suo modo di essere, il suo entusiasmo siano già sinonimo di successo. Aspettiamo. Sicuramente farà bene e saremo tutti contenti. Non con questa rosa. Mancano due pubte forti, un uomo di fascia destra ed un altro centrale perché Angella potrebbe non giocare morte partite come Dall'Orco. La B è lunga e logorante.

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 1109
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #39 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 19:28 »
Per me invece il paragone con Caserta è fuoriluogo. Due categorie diverse con due squadre diverse che una doveva salire in b e una dovrà salvarsi in b. Paragonarli impossibile.
Inoltre io non credo di aver tessuto le lodi di alvini. Ho detto che propone un calcio a mio avviso interessante e che apprezzo il profilo perché viene dal molto basso. Piuttosto ho cercato di ribattere un pò a tutte le critiche ricevute in queste pagine (le piu dure non sono tue).
Per me fine del discorso.
Ora servono i giocatori.
« Ultima modifica: Lunedì 19 Luglio 2021, 21:03 da Marco Perugia »

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 2397
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #40 il: Lunedì 19 Luglio 2021, 21:47 »
Alvini non mi piace per come si è presentato, fin dalla conferenza stampa di presentazione, infatti egli stesso sta correggendo il tiro dicendo che gli arrivi sono concordati con lui....la sensazione che ha dato è di conferma a quanto pure i sassi sanno sul perchè è stato mandato via Caserta ...difficile quindi pure distinguere tra chi lo ha preso e la sua storia personale e la sua idea di calcio che invece meritano rispetto
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3873
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #41 il: Martedì 20 Luglio 2021, 08:56 »
Beh, il confronto ci può stare. Storie diverse ma campionati analoghi. Serie C e un anno di B. Promozioni e retrocessioni. Poi i confronti li abbiamo sempre fatti: Camplone-Bisoli, Breda-Nesta, Oddo-Cosmi, sul rapporto con la Società, i tifosi e lo spogliatoio. Ora tocca ad Alvini. Domani chissà. Per il Perugia e per lui spero il più tardi possibile. Certo in otto/nove anni di presidenza tanti cambi di tecnico non lasciano molte speranze di continuità.

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1898
Re:Prima uscita e prime dichiarazioni.
« Risposta #42 il: Martedì 20 Luglio 2021, 09:25 »
Concordo ma paradossalmente questo allenatore ha molte piu' possibilità di avere continuità rispetto ai predecessori, l'ago della bilancia oltre ai risultati saranno i rapporti con lo spogliatoio, un allenatore che non sta dalla parte dei giocatori quando ci saranno i soliti attriti con la società, non piace al gruppo che poi si vendica come fece con il povero Giunti. D'altronde un allenatore che si schiera con la squadra a Perugia dura poco, vedasi Caserta, ma i risultati si ottengono solo con il gruppo unito che viene prima di tutti gli schemi del mondo, come insegna Mancini e la nostra nazionale.