Autore Topic: Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...  (Letto 156 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3477
  • Per aspera sic itur ad astra
Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« il: Sabato 18 Luglio 2020, 13:09 »
Basta vincerle tutte e siamo salvi. Che ci vuole! Ironia, come direbbe qualcuno. Siamo sulle sponde del Cocito, il fiume del pianto, e non abbiamo nemmeno un obolo da dare al traghettatore Caronte, per cui vagheremo, come ombre, lungo le rive del fiume, sospesi tra il regno dei vivi e quello dei morti. Il calendario non ci dà una mano: il Pescara incontrerà avversari molto più abbordabili, dovendo andare a Trapani, ospitare il Livorno in casa e recarsi a Chievo, che non sembra un ostacolo insormontabile; la Juve Stabia, andrà a Venezia, ospiterà la Cremonese (presumibilmente già salva) e chiuderà a Cosenza (immaginiamo già retrocesso). Molto probabilmente, toccherà a noi fare lo spareggio con le vespe, sperando che la classifica avulsa ci sorrida. La Juve Stabia dovrà fare due punti in più di noi e, visto l'andamento dei campani e quello del Grifo, non sembra per i gialloblu, un'impresa irrealizzabile. Il rischio C è più che concreto; ad oggi scommettere sulla salvezza del Perugia è un esercizio di pura fede e tifo sportivo, che va oltre la razionalità, e chiama in causa: interventi divini o fattori imponderabili, ma possibili, sotto forma di rigori a favore, autoreti altrui, papere dei portieri avversari o la caduta di un asteroide, che eliminerebbe il problema play out. Stagione destinata, comunque si concluda, a lasciare un segno profondo e una coda di polemiche, accuse, recriminazioni e l'inevitabile processo a tecnici e Società. Oddo e Cosmi, due vittime. Mentre il primo potrà sempre sostenere che la squadra era, comunque, in una situazione di classifica buona e che con il tempo avrebbe potuto (forse) aggiustare le tante magagne che stavano evidenziandosi (mancanza di solidità difensiva, sterilità di centrocampo e attacco, Iemmello dipendente e comunque favorita dai diversi rigori dati), riuscendo forse a trovare un undici titolare, Cosmi pagherà il troppo amore per Perugia, che ne ha accecato la capacità di giudizio, finendo per accettare una situazione disperata (da gennaio in poi), dovendo anche fronteggiare eventi ed imprevisti inimmaginabili. In più, come se non bastasse, la Società gli ha ridotto anche gli effettivi, sommando alla indisponibilità di alcuni giocatori per infortunio e squalifica, quella dovuta alla rinuncia a Greco e Benzar. Non che Barone, Fernandes, Balic, Greco e Benzar avrebbero fatto la differenza, ma numero sì, ed in certe circostanze poteva contare. Siccome, come recitano le Leggi di Murphy: “Lasciate a se stesse, le cose tendono a andare di male in peggio.” “Se qualcosa può andar male, lo farà.” “Dentro ogni piccolo problema ce n'è uno più grande che sta lottando per venir fuori.” “Niente va mai così male che non possa andar peggio.”, non dobbiamo aspettarci nulla di buono, prepariamoci al peggio. Datemi dello iettatore, del disfattista, del gufo, del contro rematore, nel migliore dei casi, del pessimista incallito. Dovessi aver ragione, maledirò me stesso e la mia vocazione a fare la Cassandra, e come per la figlia di Ecuba e Priamo, la  punizione mi sarà già stata assegnata dal fato. Dovessi sbagliarmi, maledirò me stesso per non aver creduto negli Dei e ceduto al pessimismo più cupo. Comunque andrà, avrò un motivo per maledire me stesso ed il amore per il Grifo, quello che qualche cacciaballe non ha mai dimostrato di avere. Come amava ripetere il saggio Presidente Ghini: "Perso il denaro, nulla è perduto, per l'onore, molto è perduto, perso il coraggio, tutto è perduto". Il coraggio, noi perugini non lo perderemo mai! Ricominceremo dalla C, se il fato così avrà scritto per noi. Siamo caduti e risorti tante volte. Lo faremo anche questa volta. Ma qualcuno, oltre al denaro, perderà tanto altro ... Il mio "Forza Grifo" non mancherà fino all''ultimo secondo dell'ultimo minuto di recupero della gara Venezia-Perugia. Poi si squarceranno i cieli, suoneranno le trombe del giudizio, e scenderà l'angelo vendicatore ...

Offline Jack Vincennes

  • Grifone
  • *
  • Data di registrazione: Lug 2020
  • Post: 45
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #1 il: Sabato 18 Luglio 2020, 14:38 »
Ciao Marco, ti ho ascoltato ieri in diretta su Tifogrifo. Bel dibattito, soprattutto alla fine con Bertolini, Fais e Garinella. Avete letto il Grifo in analisi? Direi in linea con quanto detto ieri in radio.

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1665
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #2 il: Sabato 18 Luglio 2020, 14:55 »
Ehi Garganella, sei tu che scrivi?
A parte gli scherzi, nulla da eccepire, comunque vada a finire, sarà fuoco e stridore di denti per tutti perchè questo finale giocato e vissuto così ha lasciato il segno nei tifosi tutti. Si puo' vincere e si puo' perdere ma c'è modo e modo, la dirigenza e i giocatori lo stanno facendo nel modo peggiore, i primi con il solito approcio dilettantistico hanno indebolito oltre ogni limite la rosa a disposizione con un mercato di gennaio vergognoso condito dalla perdita per strada di alcuni pezzi per un pugno di spiccioli evidentemente, e i secondi, i giocatori, giocando partite all'acqua di rose senza carattere, senza lottare, direi anche senza dignità a volte, in attesa che finisca tutto e si possa ricominciare lontano da Perugia, quasi che la nostra città dia fastidio a questi professionisti. La sensazione è che li abbia colpiti una rassegnazione cronica, manifestata ampiamente anche da chi non dovrebbe mai averla perchè di Perugia ne è prima figlio e poi tifoso prima che tesserato.
Penso che l'era Santopadre sia giunta, finalmente, al capolinea non essendoci piu' le condizioni ambientali per proseguire, le plusvalenze le abbiamo fatte tutte sicuramente ma i conti non so se siano a posto, lo scopriremo in una sera di mezza estate, a bocce ferme, ma la sensazione che ho è che anche le casse non siano così floride altrimenti probabilmente a gennaio qualcosa si sarebbe fatto per evitare inutili rischi di cui erano evidentemente consapevoli visto che gli allenatori che erano stati scelti per sostituire Oddo avevano anteposto la firma del contratto alle garanzie tecniche, particolare questo che non era mai successo prima e che qualcosa vuole dire.
Io non vivo in città ma immagino che fra poche settimane le migliaia di tifosi del Grifo che fanno il tifo per le plusvalenze dovranno riversarsi per le strade del centro, fino alla fontana Maggiore per festeggiare il traguardo tanto agognato dal loro presidente, io penso invece che dopo gli applausi alla squadra per le sconfitte tennistiche subite in casa, gli striscioni di propaganda al regime dittatoriale della triade, le epurazioni giornalistiche, gli attacchi ai social e ai gufi che ci scrivono, una bella pezza di stoffa appesa ai cancelli dello stadio Curi in cui si scriva quello che deve fare Santopadre sarebbe ora di appenderlo o è ancora presto?       

Offline Jack Vincennes

  • Grifone
  • *
  • Data di registrazione: Lug 2020
  • Post: 45
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #3 il: Sabato 18 Luglio 2020, 15:29 »
Spero solo di salvarmi, credimi ho una paura della retrocessione che non ci dormo la notte. Quanto al resto, non riesco neanche a pensare ad altro che alla salvezza. Poi vedremo da dove, come e con chi ripartiremo

Online Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3477
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #4 il: Sabato 18 Luglio 2020, 16:09 »
Ciao Marco, ti ho ascoltato ieri in diretta su Tifogrifo. Bel dibattito, soprattutto alla fine con Bertolini, Fais e Garinella. Avete letto il Grifo in analisi? Direi in linea con quanto detto ieri in radio.

In analisi ci devo andare io. E comunque, è inutile ritornare su Oddo-Cosmi  Da settembre in poi il trend era negativo e senza tutti i giocatori che son venuti a mancare da gennaio in poi, anche Oddo avrebbe visto le streghe. Senza Angella e Gyomber, senza una alternativa per Di Chiara e Carraro, senza trequartisti  con Melchiorri alla frutta e con due sole mezzeali, cosa avrebbe combinato Oddo, Con il suo 4,3,2,1 per il quale non ci sarebbero stati interpreti, a chi affidare la difesa? A chi il centrocampo? Troppo diversi i periodi vissuti dai due tecnici per poter pensare ad un confronto. Comunque ritornando sempre su questo confronto, che non ci porta da nessuna parte, l'unico a trarne beneficio sarà il presidente che avrà il suo agnello sacrificale da porre sull'altare. I tifosi se la prenderanno con Cosmi, mentre la società troverà il modo per sottrarsi al giogo mediatico. Cosmi lo ha scelto Santopadre perché Stellone e Colantuono volevano rinforzi. Cosmi gradito alla gente ha fatto comodo ed ora ci sentiremo dire che ce lo ha nesso Perugia sulla panchina, quindi ... Che paghi lui. Due moine ai tifosi, qualche mea culpa, due promesse di un sollecito ritorno in B e festa per tutti.

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1665
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #5 il: Sabato 18 Luglio 2020, 16:29 »
Io non ho alcuna paura della retrocessione, a me spaventa molto e da tanto tempo la gestione di questa società. Salvarsi quest'anno per il rotto della cuffia e senza merito va detto, per ripartire il prossimo anno con lo stesso progetto tecnico vuol dire solo rimandare il pagamento del conto finale. Con il misero budget che santopadre metterà a disposizione del malcapitato direttore e allenatore di turno, con la squadra da rifondare completamente panchina compresa, con le facoltose neopromosse, i paracadutati, le squadre che non saliranno ma che dispongono di budget importanti, quelle che sanno stare in cadetteria come il Cittadella o il Pordenone per esempio, dove crediamo di andare?
E' ora di svegliarsi.

Offline logrif

  • Grifone
  • *
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 45
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #6 il: Sabato 18 Luglio 2020, 16:52 »
Garinella con la storia di Oddo mi ha veramente strarotto il c...o. Ma che è diventato il procuratore del triplice esonerato??
Comunque anche io la vedo nera come il prof. E anche io mi sveglio la notte con gli occhi sgranati. E mi atterrisce ancor di più il fatto che, se dovesse succedere l'irreparabile, lo straccivendolo de porta metronia manco se ne andrebbe a calci nel sedere. Perché purtroppo giocatori, allenatori e dirigenti li puoi cacciare, ma un presidente no.

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1665
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #7 il: Sabato 18 Luglio 2020, 16:59 »
Sbagliato, è più facile cacciare un presidente che un allenatore. Certo, se il comune ti rinnova le concessioni dello stadio e tu ci pianti le patate liberamente come ha fatto l'attuale gestore, la stampa ti glorifica e giustifica sempre e comunque e la curva canta solo per te è impossibile cacciarlo, ma mi viene da dire anche che allora la città si merita ciò che ha.

Offline Jack Vincennes

  • Grifone
  • *
  • Data di registrazione: Lug 2020
  • Post: 45
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #8 il: Sabato 18 Luglio 2020, 17:49 »
Guardiamo il calendario del Pescara. Per me fa 9 punti, quello della Juve Stabia si incocrocia con quello del Venezia che si incrocia col nostro. Io spero di salvarmi, poi ci sarà tempo per i processi e le analisi. Ma dobbiamo salvarci, altrimenti dalla Lega Pro non riemergi più. Con Palermo, Catanzaro, Bari (se non vince contro la Reggiana), quando risali?

Online Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3477
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #9 il: Sabato 18 Luglio 2020, 19:05 »
Bene. Dai che leggeremo tanti interessanti articoli da Monopoli o Fano, scritti dai nostri valenti inviati. Vuoi mettere? Invece di parlare di colpi di mercato perché abbiamo strappato Nzita ai belgi o Fernandes alle mire di qualche club inglese, potevamo chiederci che tipo di politica stesse perseguendo il Perugia, e quale futuro potesse prospettarsi. Ah, ma Terim e l'interessamento milionario per Dragomir c"è ancora? Perché in C servono i soldi per comprare i giocatori e potrebbero servirne tanti. Bari docet. Se qualcun altro, invece che il solo Tedeschini, avesse punzecchiato la Società, chissà, magari anche i tifosi avrebbero aperto gli occhi su quanto stava accadendo. Invece di esaltare ogni mossa di Goretti e bersi la storiella della gestione virtuosa. Bene, adesso oltre alla Società, i tifosi e la città, anche la stampa scenderà in C. Vuoi mettere?
« Ultima modifica: Sabato 18 Luglio 2020, 21:57 da Marco Casavecchia »

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 1972
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #10 il: Sabato 18 Luglio 2020, 19:12 »
ferroni docet
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1665
Re:Siamo sulle sponde del Cocito ... senza una moneta ...
« Risposta #11 il: Sabato 18 Luglio 2020, 20:34 »
Beh la stampa è da dopolavoro,salvo eccezioni rare