Autore Topic: L'appello di Damaschi  (Letto 81 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3477
  • Per aspera sic itur ad astra
L'appello di Damaschi
« il: Mercoledì 15 Luglio 2020, 17:23 »
“Parliamo del PERUGIA, lo faccio sempre in maniera soft, quasi per non disturbare, per una volta credo di avere il diritto di espormi. Leggo processi, capri espiatori, attacchi a Cosmi, Santopadre, Goretti etc, in pratica la cosa PIU’ INUTILE ORA. In questo momento serve solo compattarsi e cercare di essere utili, da fuori dallo stadio o in qualunque modo. Nell’ipotesi peggiore che non voglio neanche scrivere i giocatori (che poi sono coloro che vanno in campo spesso da fighette) se ne andranno, il Mister con tutto l’attaccamento pure, Santopadre subito il danno può vendere ed andarsene, di sicuro chi resta a vegliare il morto è la Città ed i TIFOSI. Oggi serve solo cercare di mantenere la categoria per il bene del Perugia, il diritto a contestare è sacro, ma oggi detto come va detto non possiamo tagliarcelo per dispetto della moglie, poi alla fine ognuno insulta e contesta chi vuole”.
Così parlò (bene) Roberto Damaschi. Ai tempi della sua presidenza, qualche incomprensione, battuta vivace, oltre il lecito da entrambe le parti e, forse, gelosia, da parte mia, per i burloni di Arintignamo, che godevano della sua ammirazione e dei privilegi concessi ai giullari. Ironici istrioni le cui punzecchiature satiriche non risparmiavano nessuno. Ho avuto l'occasione e la fortuna di incontrare più volte Roberto Damaschi, in trasmissioni sportive, chiarirmi con lui e mettere una pietra sul passato. Del resto, il tempo e, con il suo trascorrere, invecchiare, aiutano molto. Parole sagge, quelle spese da Damaschi, in questo momento. Sospendiamo i processi, i giudizi, i commenti per il bene del Grifo. Fa appello alla compattezza, quella che, secondo me, comunque non è mai mancata. Mai una contestazione vera, un attacco diretto a società, squadra e tecnici. Stampa mai ostile. Se Roberto pensa che si possa fare ancora meglio, bene. Ci proveremo anche noi. I processi si faranno, comunque. Più avanti, a bocce ferme, come si dice. Bene, se può servire, sosteniamo il Grifo evitando polemiche e critiche, anche se contro la Cremonese, temo, serviranno ben altre risorse. Occorreranno: testa, cuore, gambe, idee e attributi. Questo lo sanno i giocatori?