Autore Topic: Riflessioni post Benevento  (Letto 222 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 687
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #15 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 11:53 »
In realtà, a me risulta che contatti con possibili acquirenti ci siano stati. Troppo alto il prezzo richiesto per la cessione. Come ha giustamente detto Stefano, questo tipo di trattative, o anche un semplice contatto tra emissari non avviene in forma pubblica. Non si lancia un'OPA per rilevare una Società di calcio. Le cose vengono alla luce del sole, solo a cose fatte o quasi.

Ti risulta? Vivo nella tua stessa città e più o meno conosco persone come tutti non ho sentito vola una mosca. Ci può stare che tu hai notizie  più esclusive. ma detta così come la dici mi sembra più una chiacchiera più o meno vera che una notizia.
Tra l'altro per come l'hai scritta hai già dato la colpa della mancata chiusura dell'affare: "troppo alta la richiesta".
Avresti potuto scrivere "troppo distanza tra la domanda e l'offerta". Evidentemente conosci la richiesta e conosci anche il valore di mercato del Perugia (che io invece ignoro).

E poi chi si è avvicinato? Quando? quanto ha offerto? quanto è stato chiesto?

E mai nessuno ha fatto uno domanda in merito al Presidente. Anche tu hai avuto modo di essere in trasmissioni con lui e la domanda più importante non l'hai fatta?
Perchè? Cazzo questa è la vera notizia, molto più importante di chi gioca sabato.
C'è un potenziale acquirente del Perugia in questo mondo?
E quando viene detto a noi poveri ingenui tifosi ciechi fino a rasentare il servilismo o la sudditanza?
E ditecele ste cose.
« Ultima modifica: Giovedì 05 Marzo 2020, 12:03 da Marco Perugia »

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1592
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #16 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 12:47 »
Il valore di un'azienda si detrmina in modo aritmetico ed è calcolato moltiplicando dei coefficienti in relazione alla capacità della società di produrre reddito. Fermo restando il fatto che però ognuno chiede quello che vuole delle proprie cose, è evidente che trovare la quadra nell'acquisizione di una società di calcio è difficilissimo perché tante sono le variabili, si pensi agli sponsor, al valore del parco giocatori o all'incentivo che vuole il vecchio propritario per uscire. Quando le notizie appaiono sui giornali il passaggio è a buon punto ma essendoci alcuni aspetti da limare si cerca l'appoggio della piazza per dare la spallata decisiva, lo fece anche Santopadre con Damaschi. Se veramente il Perugia ha i conti a posto pensate che non ci sia nessuno che lo voglia?il problema sorge quando i conti non sono a posto, allora chi compra non ha interesse a coprire debiti che sono onerosi e pericolosi in prospettiva futura, si preferisce allora far fallire la vecchia società e ripartire con una vergine.

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 1868
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #17 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 14:50 »
quando l'AC Perugia fallì nel 2005 con Gaucci  grazie al lodo Petrucci chiunque poteva fare ripartire il Grifo pagando solo una fidejussione, peraltro per la serie C e prendersi il titolo di una società gloriosa ed una piazza appetbile.....furono tirati per i capelli i Silvestrini all'ultimo...direi che non c'era la fila di acquirenti a Pian di Massiano.
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline Roberto Rossi

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2016
  • Post: 960
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #18 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 15:09 »
Mi sembra che,al di la di tutto ,anche nei Santopadriani  più irriducibili,si stia facendo strada l'idea di una cessione della società,ritenuta da molti inadeguata per una piazza come la nostra.Il Perugia,debitamente rivitalizzato e guidato com oculatezza,cos'avrebbe in meno,anche come bacino di utenza,rispetto ad altre realtà dell'italia centrale?Io ricordo perfettamente che in gradinata (chiamata adesso pomposamente "tribuna est" ,ma mai coperta),sull'ulitmo gradone c'erano 4 (quattro) file di persone in piedi e non solo per le partite di cartello,ma per la genuina passione della gente che sentiva la squadra come SUA,parte integrante della sua vita sportiva… mi direte: ma adesso c'è la televisione ed io vi rispondo che non basta la sua presenza a giustificare che in gradinata si legga per intero la scritta PERUGIA! Questa società,questa presidenza, hanno fatto il loro tempo nella NOSTRA città : è ora che, anche a prezzo di SACRIFICI sportivi i perugini tornino in possesso della loro squadra,che questa rappresenti la città,che non sia solo una mera operazione commerciale fatta di plusvalenze, promesse non mantenute e tesoretti vari.Perugia è un "porto di mare" per chi vorrebbe rilanciarsi,per chi viene a svernare,per quei pochi prestiti(almeno una volta giocavano mezzo campionato,vedi Politano, ma erano buoni..mancini,magnani conti… adesso nemmeno più quelli ,perchè società come l'Atalanta,chissà perchè,non mandano più i loro giocatori a Perugia e un motivo dovrà pur esserci,non credete? Ora noi dobbiamo fare con il Pirlo dei Balcani,con gente che faceva la panchina a Cosenza (!)con scarti di Liverani e così via..Allora cascano le braccia… è facile prendersela con questi brocchi o con Cosmi (ancora mi chiedo chi glielo abbia fatto fare… i soldi no di sicuro ,perchè con quest'arpagone ne vedrà sicuramente pochi) Allora, vi sta bene che si vada avanti così?Il modello Cittadella vi fa proprio schifo?Certo che se arriva a Perugia uno Strizzolo qualsiasi ,questi aficionados storcono il naso...Tenetevi allora i Taddei ,i Bianchi,gli Alhassan,ed una marea di altre bufale o vecchie glorie senza più fiato date in pasto a chi ancora crede che cristo sia morto dal freddo ed era il padrone delle legne.

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 687
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #19 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 15:38 »
Il valore di un'azienda si detrmina in modo aritmetico ed è calcolato moltiplicando dei coefficienti in relazione alla capacità della società di produrre reddito. Fermo restando il fatto che però ognuno chiede quello che vuole delle proprie cose, è evidente che trovare la quadra nell'acquisizione di una società di calcio è difficilissimo perché tante sono le variabili, si pensi agli sponsor, al valore del parco giocatori o all'incentivo che vuole il vecchio propritario per uscire. Quando le notizie appaiono sui giornali il passaggio è a buon punto ma essendoci alcuni aspetti da limare si cerca l'appoggio della piazza per dare la spallata decisiva, lo fece anche Santopadre con Damaschi. Se veramente il Perugia ha i conti a posto pensate che non ci sia nessuno che lo voglia?il problema sorge quando i conti non sono a posto, allora chi compra non ha interesse a coprire debiti che sono onerosi e pericolosi in prospettiva futura, si preferisce allora far fallire la vecchia società e ripartire con una vergine.

con questo messaggio ha cosa mi hai risposto?

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 687
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #20 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 15:41 »
quando l'AC Perugia fallì nel 2005 con Gaucci  grazie al lodo Petrucci chiunque poteva fare ripartire il Grifo pagando solo una fidejussione, peraltro per la serie C e prendersi il titolo di una società gloriosa ed una piazza appetbile.....furono tirati per i capelli i Silvestrini all'ultimo...direi che non c'era la fila di acquirenti a Pian di Massiano.

Però sono passati 15 anni e era serie C ora invece serie B. Magari esiste davvero qualcuno. Magari. Io però non ne ho notizia e siccome non vivo in una caverna e frequento l'ambiente tifosi del Perugia credo che qualcosa avrei saputo. Ma attendiamo news da chi ne sa più di me.

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 687
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #21 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 15:43 »
Mi sembra che,al di la di tutto ,anche nei Santopadriani  più irriducibili,si stia facendo strada l'idea di una cessione della società,ritenuta da molti inadeguata per una piazza come la nostra.Il Perugia,debitamente rivitalizzato e guidato com oculatezza,cos'avrebbe in meno,anche come bacino di utenza,rispetto ad altre realtà dell'italia centrale?Io ricordo perfettamente che in gradinata (chiamata adesso pomposamente "tribuna est" ,ma mai coperta),sull'ulitmo gradone c'erano 4 (quattro) file di persone in piedi e non solo per le partite di cartello,ma per la genuina passione della gente che sentiva la squadra come SUA,parte integrante della sua vita sportiva… mi direte: ma adesso c'è la televisione ed io vi rispondo che non basta la sua presenza a giustificare che in gradinata si legga per intero la scritta PERUGIA! Questa società,questa presidenza, hanno fatto il loro tempo nella NOSTRA città : è ora che, anche a prezzo di SACRIFICI sportivi i perugini tornino in possesso della loro squadra,che questa rappresenti la città,che non sia solo una mera operazione commerciale fatta di plusvalenze, promesse non mantenute e tesoretti vari.Perugia è un "porto di mare" per chi vorrebbe rilanciarsi,per chi viene a svernare,per quei pochi prestiti(almeno una volta giocavano mezzo campionato,vedi Politano, ma erano buoni..mancini,magnani conti… adesso nemmeno più quelli ,perchè società come l'Atalanta,chissà perchè,non mandano più i loro giocatori a Perugia e un motivo dovrà pur esserci,non credete? Ora noi dobbiamo fare con il Pirlo dei Balcani,con gente che faceva la panchina a Cosenza (!)con scarti di Liverani e così via..Allora cascano le braccia… è facile prendersela con questi brocchi o con Cosmi (ancora mi chiedo chi glielo abbia fatto fare… i soldi no di sicuro ,perchè con quest'arpagone ne vedrà sicuramente pochi) Allora, vi sta bene che si vada avanti così?Il modello Cittadella vi fa proprio schifo?Certo che se arriva a Perugia uno Strizzolo qualsiasi ,questi aficionados storcono il naso...Tenetevi allora i Taddei ,i Bianchi,gli Alhassan,ed una marea di altre bufale o vecchie glorie senza più fiato date in pasto a chi ancora crede che cristo sia morto dal freddo ed era il padrone delle legne.


Secondo me il modello Cittadella non è possibile a Perugia. Mia opinione. Il primo critico saresti tu se lo Strizzolo di turno poi fa cilecca. Diresti ceppone preso a 4 baiocchi. Se proprio volgiamo dirla tutta il problema non è chi prendiamo perchè i giocatori presi in questi anni fanno buone stagioni prima e dopo ma è a Perugia che non danno il massimo. E veramente non sò il motivo. Falco credo sia l'esempio più lampante di ciò.
Sul resto ti seguo e ti dico che hai ragione. Ma nel tuo discorso manca sempre un pezzo. Chi dopo Santopadre?
« Ultima modifica: Giovedì 05 Marzo 2020, 15:50 da Marco Perugia »

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1592
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #22 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 16:17 »
Il valore di un'azienda si detrmina in modo aritmetico ed è calcolato moltiplicando dei coefficienti in relazione alla capacità della società di produrre reddito. Fermo restando il fatto che però ognuno chiede quello che vuole delle proprie cose, è evidente che trovare la quadra nell'acquisizione di una società di calcio è difficilissimo perché tante sono le variabili, si pensi agli sponsor, al valore del parco giocatori o all'incentivo che vuole il vecchio propritario per uscire. Quando le notizie appaiono sui giornali il passaggio è a buon punto ma essendoci alcuni aspetti da limare si cerca l'appoggio della piazza per dare la spallata decisiva, lo fece anche Santopadre con Damaschi. Se veramente il Perugia ha i conti a posto pensate che non ci sia nessuno che lo voglia?il problema sorge quando i conti non sono a posto, allora chi compra non ha interesse a coprire debiti che sono onerosi e pericolosi in prospettiva futura, si preferisce allora far fallire la vecchia società e ripartire con una vergine.

con questo messaggio ha cosa mi hai risposto?

Io non volevo rispondere a nessuno in particolare, non so chi, ma qualcuno ha chiesto come funzionano le transazioni delle società e mi sono permesso di rappresentare le modalità con le quali avvengono secondo la mia modesta esperienza diretta.

Offline Roberto Rossi

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2016
  • Post: 960
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #23 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 16:21 »
Allora io ti rispondo: chi erano i Grosso,i Liverani,i Materazzi,iNakata,iNovellino i  Rapajic (e ne potrei citare tanti altri)? Credi forse che furono accolti come i campioni che poi dimostrarono di essere? A Perugia erano in pochi a fidarsi di questi giocatori ,perchè uno dei nostri difetti è quello di volere il "nome".Ma loro dimostrarono con i fatti,sul campo ,di valere tantissimo, di essere (alcuni di loro e ci metto anche Gattuso) deì "CAMPIONI DEL MONDO"! Chi li scelse?chi li prese a 4 baiocchi? te lo dico Io : alcuni il sig.Remondini (uno dei migliori talent-scout che l'italia abbia mai avuto) altri il figlio di Gaucci,Alessandro,del fiuto del quale il sig. Goretti non ha nemmeno la centesima parte.Questi giocatori ,insieme ad altri bravissimi (Tedesco,Vrizas -visto da Cosmi in una partita di allenamento in Grecia)costituirono l'ossatura di una squadra che vinse l'Intertoto ed in serie A faceva paura a tutti… chi conosceva Vrizas a Perugia? Poi ,giudice insindacabile, parlò il campo.a Perugia in molti hanno dimenticato tutto ciò ed io dico non di tornare ai fasti di allora,ma nemmeno vivere lo scempio di adesso , dal quale ,permanendo lo stato di cose attuale , non ci risolleveremo mai più.

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 687
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #24 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 16:37 »
Il valore di un'azienda si detrmina in modo aritmetico ed è calcolato moltiplicando dei coefficienti in relazione alla capacità della società di produrre reddito. Fermo restando il fatto che però ognuno chiede quello che vuole delle proprie cose, è evidente che trovare la quadra nell'acquisizione di una società di calcio è difficilissimo perché tante sono le variabili, si pensi agli sponsor, al valore del parco giocatori o all'incentivo che vuole il vecchio propritario per uscire. Quando le notizie appaiono sui giornali il passaggio è a buon punto ma essendoci alcuni aspetti da limare si cerca l'appoggio della piazza per dare la spallata decisiva, lo fece anche Santopadre con Damaschi. Se veramente il Perugia ha i conti a posto pensate che non ci sia nessuno che lo voglia?il problema sorge quando i conti non sono a posto, allora chi compra non ha interesse a coprire debiti che sono onerosi e pericolosi in prospettiva futura, si preferisce allora far fallire la vecchia società e ripartire con una vergine.

con questo messaggio ha cosa mi hai risposto?

Io non volevo rispondere a nessuno in particolare, non so chi, ma qualcuno ha chiesto come funzionano le transazioni delle società e mi sono permesso di rappresentare le modalità con le quali avvengono secondo la mia modesta esperienza diretta.

Ero io dopo che mi hai scritto che non avevo idea di come si svolgeva una compravendita societaria e ti ho ho chiesto se per favore me lo spiegavi.
Ora con questo messaggio metti in dubbio anche che i conti del Perugia non sono a posto?
dici: "Se veramente il Perugia ha i conti a posto pensate che non ci sia nessuno che lo voglia?"

« Ultima modifica: Giovedì 05 Marzo 2020, 16:40 da Marco Perugia »

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 687
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #25 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 16:41 »
Allora io ti rispondo: chi erano i Grosso,i Liverani,i Materazzi,iNakata,iNovellino i  Rapajic (e ne potrei citare tanti altri)? Credi forse che furono accolti come i campioni che poi dimostrarono di essere? A Perugia erano in pochi a fidarsi di questi giocatori ,perchè uno dei nostri difetti è quello di volere il "nome".Ma loro dimostrarono con i fatti,sul campo ,di valere tantissimo, di essere (alcuni di loro e ci metto anche Gattuso) deì "CAMPIONI DEL MONDO"! Chi li scelse?chi li prese a 4 baiocchi? te lo dico Io : alcuni il sig.Remondini (uno dei migliori talent-scout che l'italia abbia mai avuto) altri il figlio di Gaucci,Alessandro,del fiuto del quale il sig. Goretti non ha nemmeno la centesima parte.Questi giocatori ,insieme ad altri bravissimi (Tedesco,Vrizas -visto da Cosmi in una partita di allenamento in Grecia)costituirono l'ossatura di una squadra che vinse l'Intertoto ed in serie A faceva paura a tutti… chi conosceva Vrizas a Perugia? Poi ,giudice insindacabile, parlò il campo.a Perugia in molti hanno dimenticato tutto ciò ed io dico non di tornare ai fasti di allora,ma nemmeno vivere lo scempio di adesso , dal quale ,permanendo lo stato di cose attuale , non ci risolleveremo mai più.

Appurato che Santopadre non ha ne i mezzi ne le capacità di chi ha fatto grande il Perugia nel passato (perchè questo nessuno lo nega) mi spieghi tu cosa vorresti che succedesse?
A- Santopadre dovrebbe regalare la società al primo che passa.
B- Santopadre dovrebbe comunicare ufficialmente la volontà di cedere e a che prezzo (poi ci sarà chi dirà che il  prezzo non va bene)
C- Santopadre dovrebbe regalare la Società dopo aver avuto garanzie sulle capacità del compratore e di quali progetti voglia fare.
D -  ??
E - ??
« Ultima modifica: Giovedì 05 Marzo 2020, 16:50 da Marco Perugia »

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 1868
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #26 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 17:20 »
detto che non sono la persona adatta a fare l'avvocato difensore di Santopadre e detto che anche a me non risultano siano mai pervenute offerte ( ma questo ovviamente non significa nulla ), mi piacerebbe invece che qualcuno raagionasse su altri aspetti e mi spiego.
In estate tutti più o meno eravamo soddisfatti dell'operato di Santopadre ( anche in relazione alle stagioni precedenti )....Do you remember? ( odio farlo, ma tant'è.... : RILEGGETEVI

https://www.perugianelcuore.it/index.php?topic=2070.0

). Per non parlare dell'esultanza al "colpo " Falcinelli ( io in verità nonostante l'affetto per il ragazzo lo reputai un errore riportarlo a Perugia.
Bene ( si fa per dire ). Inizia il campionato, il Grifo si batte per i quartieri nobili del campionato.....nonostante l'infortunio ad Angella ( brutta perdita sportivamente parlando ). Si arriva a dicembre, Goretti si lamenta che la squadra non arrivi a centrare la promozione diretta ( la reputa tale mancanza un "fallimento ") , Oddo gli risponde che senza qualche arrivo quella è la dimensione, Oddo ( come precedentemente Camplone ) messosi in contrasto col Goro viene mandato a casa ( con buona pace del progetto finalmente biennale, degli arrivi richiesti, scambio Melchiorri-Memushaj tanto per direne una ) ed arriva Cosmi.
L'affetto per il ritorno dell'Uomo del Grifo ( più che del fiume ) a cui tutti siamo legati riesalta l'ambiente e si trascurano gli arrivi richiesti da Oddo.
Cosmi stesso contribuisce ad alimentare tali giustificanti alla società e addirittura si avvenutra nella sua prima conferenza stampa in un ( più o meno vado a mente , ma il senso era quello ) " se la società che è in zina play-off mi ha chiamato è perchè reputano la squadra da promozione diretta ed io sono qui perchè per mantenere la posizione playoff non occoreva cambiare tecnico.
Passano otto gare, due si vincono ( poco meritatamente, peraltro con Livorno in casas soffertissima e peggiore dell'attuale e con Juve Stabia grazie anche a due rigori concssi ), sei si perdono ( ultime 5 consecutive ).
Con Oddo ne avevamo persa solo una in casa ( col Venezia ), con Cosmi tre ( con uno Spezia che maramaldeggia al Curi, con L'Empoli senza mai tirare in porta e col Benevento che pur non volendo infierire ha stravinto e personalmente non ho visto nessun miglioramento se non mascherato dall'atteggiamento degli avversari e quasi non affondavano per rispetto ad un avversario che sembrava di almeno tre categorie inferiori ).
Allora Cosmi ha sbagliato completamente valutazione sul valore della squadra come tutti noi in estate?
E non si è forse detto di Oddo che cambiava troppo spesso uomini e moduli di gioco ( mi vien da sorridere se la situazione non fosse sportivamente drammatica al pensare alle formazioni e moduli messe in campo nelle ultime gare.).
Si è sentito vociferare che Oddo aveva una parte dello spogliatotio contro ( mi vien da sorridere se....leggasi come sopra ).
Insomma siamo davvero tutti sicuri OGGI che questa squadra meriti la retrocessione diretta senza appelli e che nessuno possa evitare l'inevitabile?
Io credo che aldilà dell'amor proprio che ognuno di noi nutre per le proprie posizioni bisognerebbe farsi una riflessione interna e valutare che spesso si parla col senno di poi ( come quando si dice che abbiamo comparto solo cepponi ). E credo che l'Amore per alcuni personaggi e l'odio per altri non debba invece condizionare la lucidità e l'onestà dei giudizi ( perciò dico che OGGI non occorre invocare Santopadre affinchè lasci, semmai che cambi rotta e collaboratori e nell'immediato che venagno fatte le dovute scuse ad Oddo, con cui il tempo invece è stato galantuomo, e salutare l'Uomo del Fiume e dei Miracoli che furono ai tempi del compianto ( da me sicuramente ) Gaucci, perchè il tempo passa per tutti....

Scusate la lungaggine e tutto ciò che so già non condividerete, ma vedere questo Grifo presentarsi disperatamente sabato in uno stadio vuoto contro la salernitane in cerca di punti salvezza mi fa troppo male....
Speriamo comunque di vincere anche di culo all'ultimo secondo con gol di Vicario ( che tanto è il meno peggio degli altri. )

p.s.
copio e incollo da sportperugia.it, ultima vittoria contro i campani
PERUGIA – SALERNITANA 3-1 (2-1)

PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel, Rosi, Gyomber, Sgarbi, Mazzocchi; Falzerano, Carraro, Dragomir (35′ st Kouan); Verre (45′ st Kingsley); Sadiq, Melchiorri (20′ st Han). A disp.: Bizzarri, Perilli, Felicioli, Bianco, Vido, Ranocchia, Bordin, Moscati, Falasco. All.: Nesta

SALERNITANA (3-4-1-2): Micai, Pucino (30′ st Orlando), Migliorini, Mantovani; Casasola, Di Tacchio, Minala (1′ st Odjer), Lopez; André Anderson; Djuric (18′ st Calaiò), Jallow. A disp.: Vannucchi, Anderson, Vuletich, Gigliotti, Marino, Memolla, Mazzarani, Lazzari. All.: Gregucci

ARBITRO: Guccini di Albano Laziale (Lanotte – Macaddino). IV uomo: Di Martino di Teramo

MARCATORI: 28′ pt Verre (P), 30′ pt Sadiq (P), 35′ pt Casasola (S), 25′ st Han (P)

pps in grassetto gli uomini che erano della rosa ( e tranne Gyomber tutti in campo ) della passata stagione...in particolare il pacchetto centrale Falzerano, Carraro, Dragomir......ed in panchina un tecnico non ancora maturo ed esperto come  Nesta....eppure

 ;D ;D ;D
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1592
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #27 il: Giovedì 05 Marzo 2020, 18:02 »
Se si è sbagliato Goretti, Oddo e adesso anche Cosmi nella valutazione della rosa, allora ci possiamo sbagliare anche noi che non siamo addetti ai lavori, non percepiamo alcun emolumento per fare analisi critiche sulle qualità tecniche dei giocatori ed abbiamo anche l'alibi di essere di parte percheè come tifosi siamo tutti innamoratissimi.
L'unica cosa che vale è che è il campo nel bene e nel male ad essere giudice supremo e ad emettere i verdetti e quest'anno ha detto che siamo cepponi.
Per rispondere all'amico Marco, penso che santopadre fara' l'imprenditore e cerchera' di trarre, giustamente si intende, il meglio dalla situazione che si verificherà al 30 giugno. Gli scenari che si apriranno saranno molteplici, una augurata e magari rocambolesca salvezza lo porterebbe ad avere piu' opzioni da scegliere sia che decida di restare, sia che decida di andarsene, è evidente che avrebbe un potere contrattuale importante. Il malaugurato tonfo lo metterebbe con le spalle al muro. Sui conti nessuno sa mai niente fino a quando non scoppia il vaso, io so solo che in questi anni hanno fatto diverse plusvalenze e che a gennaio non hanno avuto i soldi per prendere un allenatore e 4 rinforzi come si deve. Anche analizzando le situazioni che si sono prospettate a Milano con assalti di altre società ai nostri giocatori migliori, a cui hanno fatto seguito richieste economiche esose che hanno portato il blocco da parte dei procuratori di ogni possibile operazione in entrata, non mi fanno pensare bene. Una società che ha liquidità, poca o tanta che sia, si muove in altro modo, ma questa è una mia sensazione, il tempo ci dirà come stanno le cose, anche l'ultimo appello al governo per i danni subiti dal calcio per il blocco degli spettatori mi fa pensare, oltre che secondo me fuori luogo completamente.

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 1868
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #28 il: Venerdì 06 Marzo 2020, 11:16 »
Oddo non si è sbagliato, ha dato la valutazione giusta e coerente anche coi risultati da lui ottenuti
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 687
Re:Riflessioni post Benevento
« Risposta #29 il: Venerdì 06 Marzo 2020, 20:50 »
Ma quando? Quando era senza risultati e con l'acqua alta.
Vatti a risentire le conferenze fatte ad agosto settembre.
O ma mistificare la verità che sport è?