Autore Topic: Qual è il vero Perugia?  (Letto 442 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 1868
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Qual è il vero Perugia?
« Risposta #15 il: Lunedì 10 Febbraio 2020, 10:04 »
è un campionato strano e mediocre: tra la seconda e la quindicesima passano solo otto punti......a Cremona il presidente a fronte di investimenti importanti minaccia di andarsene perchè i grigiorossi rischiano seriamente di retrocedere....la salernitana fa yo-yo ( una volta Ventura è il salvatore della patria, un'altra è un incompetente ), setsso fa il Chievo, l'Empoli risalirà probabilmente e altre scenderanno, il Crotone , secondo in classifica, ci sopravanza di quattro punti e gioca con Molina e Mustacchio....lo Spezia è diventata una squadra di fenomeni ma Ricci ce lo ricordiamo bene, era uno di quelli "inutili" presi in un centrocampo scraso.......non voglio passare per difensore della società ( l'ho criticata quando l'ho ritenuto giusto ), ma mi sento di essere obiettivo....la sconfitta con lo Spezia brucia, ma è solo colpa nostra, di un atteggiamento incomprensibile di chi è sceso in campo.....e ripeto il numero eccessivo di calciatori non vorrei avesse minato l'armonia ritrovata con Cosmi.......il buon Gaucci quelli in esubero o che hanno rifiutato trasferimenti in altre piazze li avrebbe messi fuori rosa .....
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 687
Re:Qual è il vero Perugia?
« Risposta #16 il: Lunedì 10 Febbraio 2020, 13:18 »
Tanto come sempre la verità la dirà campo. Secondo me adesso l'allenatore ha "caratteristiche" totalmente diverse da quello di prima (migliori), tutti i giocatori di prima ci sono e sono stati aggiunti alcuni nuovi. Le chiacchiere servono a poco. Con lo Spezia è stata una batosta su tutta la linea. Ora una settimana di allenamenti e poi si va a frosinonemerda. Parlerà ancora una volta il campo e la classifica.
Resto ancora fiducioso anche se un la partita di sabato mi ha creato delle crepe nella convinzione di essere molto competitivi.

Offline Roberto Rossi

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2016
  • Post: 960
Re:Qual è il vero Perugia?
« Risposta #17 il: Lunedì 10 Febbraio 2020, 13:58 »
Credo che ormai anche il campo si sia stufato di dare "risposte", siamo quelli che siamo , con o senza Cosmi… Il discorso va ripreso dal fondo… (o dalla cima)?

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1592
Re:Qual è il vero Perugia?
« Risposta #18 il: Lunedì 10 Febbraio 2020, 16:31 »
Le squadre si costruiscono con dei criteri in base agli obiettivi che si vogliono o possono raggiungere. Anche il Perugia ha costruito questa squadra (come quelle dei tornei precedenti) con dei criteri che sono quelli di una tranquilla salvezza da ottenere con un budget stretto. Per fare questo l'unica via è quella di acquisire molti prestiti di giocatori di belle speranze ma ancora acerbi che costano poco e si spera possano rendere, è il caso di Ricci o Molina, presi quando erano ancora acerbi e che adesso evidentemente sono cresciuti. A questi giovanotti il Perugia aggiunge un top player per la categoria (sempre in prestito magari oneroso) che garantisca quella qualità sufficiente a raggiungere l'obiettivo minimo: quest'anno è Iemmello, l'anno scorso Verre. Provate a pensare che campionato avremmo fatto senza questi due. Attorno a questo nucleo giocano tutta una serie di mezzi giocatori piu' o meno validi per la categoria. Le squadre che vogliono ottenere di piu' invece di uno o due top player, ne acquisisce 4, 5 o anche di piu' e in questo modo aumentano le possibilità di essere promossi. E' evidente che anche nelle formazioni paracadutate non possiamo pensare di trovare tutti fuoriclasse perchè occorrono anche i gregari, ed è il caso di Mustacchio a Crotone che garantisce quando gioca, non sempre, quella corsa e quel sacrificio che altri non possono avere.
Noi a parte Iemmello abbiamo il vuoto e tutti gli anni è la stessa storia.