Autore Topic: Presentazione di Serse  (Letto 367 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3369
  • Per aspera sic itur ad astra
Presentazione di Serse
« il: Domenica 05 Gennaio 2020, 14:05 »
Toccante, vera e piena di pathos. Un Serse carico, tra voglia di riscatto per il brutto addio dopo lo spareggio con la viola, che tanti strascichi e sospetti ha lasciato dietro di sé, e la voglia di riprendersi il Curi, "casa mia", come la definito lo stesso Serse. Un vero uomo. E un gesto intelligente, definito da alcuni demagogico o opportunistico, ma sicuramente coraggioso da parte di Santopadre. Tante volte, io ho criticato certe scelte tecniche o certe impostazioni di politica o di programmazione fatte dalla società, non condividendo, da tifoso, alcune decisioni della società. Questa volta, al contrario, apprezzo la mossa di Santopadre e non penso che la sua sia riduttivamente una mossa di marketing o fatta per imbonire la piazza. Credo, al contrario, che fosse arrivato il momento del ritorno di un tecnico amato, sì, atteso dalla piazza, sì, ma anche in grado di tirar fuori dai giocatori, quello che altri non sono capaci di fare. E la scelta, che forse poteva essere fatta a giugno dello scorso anno, è stata fatta oggi. La piazza avrà avuto il suo peso, da un punto di vista emotivo, ma la scelta di affidargli una squadra moscia, senza animus pugnandi, senza voglia, senza fame, è una scelta coraggiosa e rischiosa, anche e soprattutto per la società. Unico appunto da muovere ai presenti, in particolar modo a chi si spaccia per "storico", la gaffe su Re Tentenna. Si tratta di Carlo Alberto di Savoia, non Umberto I, Vittorio Emanule III o peggio ancora Carlo Felice. Fu sotto l'impulso dello sdegno provocato dalla repressione poliziesca del 10 ottobre che uno studente dell'Università di Torino, DOMENICO CARBONE, scrisse e mandò al sovrano la famosa satira intitolata "Re Tentenna", perché oscillò a lungo tra la firma dello Statuto e le influenze del suo passato da reazionario.

"In diebus illis c'era in Italia,
Narra una vecchia gran pergamena,
Un re che andava fin dalla balia,
Pazzo pel giuoco dell'altalena.
Caso assai raro nei re l'estimo,
E fu chiamato Tentenna primo.
Or lo ninnava Biagio, or Martino;
Ma l'uno in fretta, l'altro adagino,
E il re diceva: in fretta, adagio
Bravo, Martino; benone, Biagio.
Ciondola, dondola,
Che cosa amena,
Dondola, ciondola, È l'altalena.
Un po' più celere,
Meno ...., di più....
Ciondola, dondola,
E su e giù.

Ma questa è un'altra storia visto che a Perugia, dopo la manifestazione farlocca, antistorica e sì, questa di puro marketing, qual è "Perugia 1416", di presunti storici se ne trovano a decine ...

Offline Roberto Rossi

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Apr 2016
  • Post: 961
Re:Presentazione di Serse
« Risposta #1 il: Domenica 05 Gennaio 2020, 14:39 »
Quindi, con l'arrivo di Cosmi,  tutto finito, tutto dimenticato:  i brocchi, i prestiti, la mancanza cronica di una benchè minima programmazione, l'interstardirsi a non cercate prospetti validi nelle serie inferiori etc. etc. Tutte le critiche (giuste)  fatte da qualcuno su questo sito, non hanno più valore, ma i giocatori rimangono quelli e nemmeno Cosmi ha la bacchetta magica… in ogni caso, come sempre, sarà il campo a dire l'ultima parola.

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 1907
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Presentazione di Serse
« Risposta #2 il: Domenica 05 Gennaio 2020, 16:38 »
Quindi, con l'arrivo di Cosmi,  tutto finito, tutto dimenticato:  i brocchi, i prestiti, la mancanza cronica di una benchè minima programmazione, l'interstardirsi a non cercate prospetti validi nelle serie inferiori etc. etc. Tutte le critiche (giuste)  fatte da qualcuno su questo sito, non hanno più valore, ma i giocatori rimangono quelli e nemmeno Cosmi ha la bacchetta magica… in ogni caso, come sempre, sarà il campo a dire l'ultima parola.

Al cambiar degli eventi cambiano le posizioni, solo gli stolti non lo fanno.....Santopadre ha mostrato un aspetto diverso all'evolversi degli eventi: tu stesso non scrivesti forse che le sue scelte erano sempre "contro la piazza"?
Ora che non lo sono che facciamo? Continuiamo una critica a prescindere? Contro chi poi? Forse che non  gli fossero comunque stati riconosciuti i meriti di averci ri-traghettato in serie B, categoria certo più consona della D, non trovi?- da parte nostra ( amministratori intendo visto che suppongo ti riferisca a me e Marco Casavecchia in primis? p.s. ricordo comunque a tutti che questo è un FORUM, dove anche se gli amministratori scrivono la loro idea questa NON è automaticamente la linea del forum stesso, non essendo un prodotto editoriale, ma il contributo di più persone che si completa con quello di altre in piena libertà ).
Scritto più volte: vogliamo bene al Perugia e quindi anche a Santopadre ogniqualvolta fa scelte ( e stavolta anche dichiarazioni ) per Perugia ed il Perugia!
Quindi si, Serse Cosmi con Goretti e Santopadre, ci troveranno sulla stessa sponda

Forza Perugia !!!!!!!!
 8) ;D
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 1907
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Presentazione di Serse
« Risposta #3 il: Domenica 05 Gennaio 2020, 17:20 »
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 720
Re:Presentazione di Serse
« Risposta #4 il: Domenica 05 Gennaio 2020, 20:44 »
Se solo riuscirà a trasmettere il 70% della sua ambizione a tutti i giocatori ci sarà da divertirsi. Se raggiungerà il 100% allora sarà storia. ;D 8)

Offline Marco Perugia

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Mar 2018
  • Post: 720
Re:Presentazione di Serse
« Risposta #5 il: Domenica 05 Gennaio 2020, 21:36 »
Sulla polemica che leggo sopra dico che con le.persone che non provano più emozioni con il Perugia e hanno ormai solo una flebile simpatia è fatica rapportarsi. Non emozionarsi del ritorno di Cosmi e trovare solo parole di polemica anche in questo caso è faticoso da comprendere.

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3369
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Presentazione di Serse
« Risposta #6 il: Domenica 05 Gennaio 2020, 22:22 »
Pensa che quando al telefono la sorella di Serse mi ha raccontato qualche particolare, mi sono emozionato e mi è venuto un groppo alla gola. E pensare che l'avevo chiamata qualche ora prima e nemmeno lei ancora sapeva niente, anzi, come ne aveva la stessa sensazione negativa su un suo possibile ritorno alla guida del Grifo, almeno non per adesso... e invece... telefonata di Serse alla sorella: "Ci sarà da soffrire anche st'anno"... "Ho firmato"... "E con chi? Con il Venezia? La Cremonese?"... "Macché... Col Grifo"... "Me stai a pija pel ****?"... "No, sul serio"... Insomma io l'ho saputo circa mezz'ora dopo...  ;D... E m'è venuto quasi da piangere per la commozione... Curioso, seppi della scelta di Gaucci, sempre un gennaio di 20 anni fa, quasi nello stesso modo, solo che allora Serse pensava che avrebbe dovuto allenare il Catania, invece a gennaio ebbe la conferma che Gaucci gli avrebbe affidato il Perugia. Ma allora non si poteva dire niente...

Online stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1625
Re:Presentazione di Serse
« Risposta #7 il: Lunedì 06 Gennaio 2020, 09:52 »
Io credo che nessun tifoso del Perugia non si sia emozionato nel sentire di nuovo la inconfondibile voce roca del mister che spiega i suoi sentimenti con la solita graffiante sincerità. Serse meritava assolutamente questa possibilità, per quello che è come uomo e come allenatore, per quello che ha dato a questi colori e anche per quell'addio doloroso di cui lui stesso ha parlato e che lo ha visto all'epoca vittima sacrificale di oscure manovre di palazzo contro le quali non ci fu niente da fare per nessuno di noi e neanche per lui.
Alla luce di quanto ho scritto in questo momento poco mi importa sapere se Serse era la prima, seconda o terza scelta, così poco mi importa sapere se Santopadre l'ha preso per risparmiare un ingaggio o salvare la faccia se le cose non dovessero andare bene, tuttavia la conferenza congiunta ha dato anche altri spunti di riflessione secondo me rilevanti. Il primo è il fatto che da adesso in poi gli allenatori saranno scelti di anno in anno senza programmare e qui, vi dico la verità, Santopadre mi ha convinto, ha pienamente ragione quando afferma che il fare contratti pluriennali agli allenatori non solo non serve a niente ma addirittura rappresenta un gap se le cose non funzionano ed è verissimo, ormai abbiamo le prove, Nesta e Bucchi insegnano. Meglio dunque fare un contratto annuale, magari un po' piu' sostanzioso ma legarsi a lungo conviene solo ad una parte che non è mai la società.
La cosa che invece non mi ha convinto nelle parole del presidente è stata il fatto che a Oddo si chiedeva la serie A possibilmente diretta, pena il fallimento della stagione, mentre invece a Cosmi si chiede solo di non perdere piu' al Curi.
Detto questo mi auguro che Serse possa vincere il suo premio, non sara' facile perchè comunque a questa rosa mancano pedine importanti, senza le quali la bravura di Cosmi poco potrà fare, al Curi, per intenderci, con la coppia Sgarbi Falasco ne perderemo altre di partite, ma comunque oggi godiamoci l'abbraccio al grande Serse, ci mancava e ci voleva!   

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3369
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:Presentazione di Serse
« Risposta #8 il: Lunedì 06 Gennaio 2020, 10:20 »