Autore Topic: E adesso?  (Letto 303 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3201
  • Per aspera sic itur ad astra
Re:E adesso?
« Risposta #15 il: Martedì 26 Novembre 2019, 07:20 »
Oddo a scadenza, come la mozzarella. Seguendo le varie trasmissioni tv, dedicate al Grifo, nessuno, tra giornalisti, opinionisti, tifosi, ex calciatori, e chi più ne ha più ne metta, ha salvato il tecnico da critiche, contestazioni tecniche, uscite dialettiche e quant'altro. Una attribuzione di responsabilità, quasi unanime, attribuita al tecnico, per quello che riguarda la situazione attuale del Grifo. La Società non è stata quasi mai chiamata in causa, eppure, se in cinque anni di B, sono passati ben otto allenatori, quasi tutti immolati al termine del campionato, qualche dubbio su certe scelte operate, a qualcuno, dovrebbe venire. Oddo ha sicuramente le sue "colpe". Un po' di arroganza, di presunzione, il voler per forza cambiare formazione anche quando ai più non sembrava necessario, il chiamare troppo spesso in causa i giocatori, invece di lavare i panni sporchi nello spogliatoio, ma sopratutto il non aver saputo trovare un assetto stabile dell'undici e non avergli dato un gioco. Colpe che però nessuno gli aveva attribuito dopo l'eroica impresa di Crotone, dove fu elogiato, da molti, insieme alla squadra, per aver espugnato lo Scida, emulando Davy Crockett. Una squadra incompiuta, non solo per la mancanza di gioco, ma anche come rosa. Mancano almeno un paio di uomini, e sarebbero mancati anche senza gli infortuni di Angella. Qualcuno sta deludendo le aspettative, ma non solo per colpa del tecnico. Del resto, se da un lato si elogia Goretti per condurre un mercato con risorse limitate e per i tanti giovani in prestito, dall'altro si chiede la A, sottolineando però che si deve competere con società dai budget più alti. Di qui il sospetto che chi arriva nin sia sempre una prima scelta, ma spesso la seconda o terza alternativa. Il ricorrere all'ingaggio di giocatori dal curriculum prestigioso, ma con qualche problemino fisico da risolvere, o che poi riaffiora inesorabile, dovrebbe far riflettere sul fatto che operare come fa Goretti, con poco, è si un pregio, ma anche un limite. Scoprire poi perché i vari Rodin, Nzita, Capone, Mazzocchi, Melchiorri, Buonaiuto, ecc... stiano quasi sempre in panchina, anche in piena emergenza, sarebbe una vera chicca. Non sono del peso, non sono visti dal tecnico, o non ce n'è bisogno? Se poi la Società, per stessa ammissione di Goretti, ha operato bene sul mercato, ed anzi, forse, ha anche preso qualche giocatore di troppo, cosa aspetta a cambiare il tecnico? Un'altra sconfitta, o due? E se si vincesse col Pescara ma si perdessero le successive? Di nuovo in discussione? È palese che se le parole di Oddo, i confronti con lo scorso anno e con chi c'era e non c'è più, non hanno certo giovato a smussare le asperità e a farsi "amici" i giocatori. Se non sentono la stima del tecnico potrebbero mollarlo, non battersi per lui, e partita col Pescara compromessa. Se poi, a gennaio, ci sarà la paventata mezza rivoluzione (così scrive qualcuno) della rosa, o quantomeno, qualche cessione eccellente, sarà anche un'attenuante per il tecnico e un po' uno smentirsi della società. L'alternativa è affidare subito la squadra ad un manico diverso e vedere se questo, con questa rosa da A, come dice Goretti, si cambia marcia. Tertium non datur, direbbero gli avi.

Offline stefano suprani

  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Gen 2015
  • Post: 1492
Re:E adesso?
« Risposta #16 il: Martedì 26 Novembre 2019, 09:28 »
La sensazione che si ha è che il giocattolo si sia rotto e il feeling fra società, tecnico e giocatori sia andato in breve tempo a farsi benedire. Questo non è un fatto nuovo poichè tutti gli anni, per un motivo o per un altro, sono sempre saltate le teste degli allenatori, quello che non capisco è il motivo per il quale si attendano sempre sconfitte e umiliazioni a ripetizione per decidersi a cambiare e anche questa volta temo che sarà la stessa cosa tanto è palese che non sara' Oddo ad andarsene "sua sponte" senza almeno un aiutino, così come è altrettanto palese che la squadra non lo segua piu' e Goretti si è stancato da un pezzo. Aspettiamo di prenderne 3 domenica e magari un paio quella dopo per far uscire i giocatori in un mare di fischi dal Renato Curi, a che pro mi chiedo?