Reggio: fu vera gloria?

Aperto da Marco Casavecchia, 30 Ottobre 2022, 21:52:49

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Marco Casavecchia

Fu vera gloria? Sembrerebbe di no. Forse si è trattato solo di una botta di "lato B". Certo, dopo la gara di oggi, più che passi avanti, che avremmo dovuto fare per dare continuità a quanto avviato a Reggio, dobbiamo prendere atto che di passi ne abbiamo fatti, ma quattro indietro rispetto a tante avversarie concorrenti, perché oltre ai tre persi, bisognerebbe aggiungerne uno per la classifica avulsa. Difficile ipotizzare, dalla prossima gara in poi, un'inversione di trend. La media punti/partita dovrebbe alzarsi a quasi due, nelle prossime otto gare, per poter arrivare almeno a 23 punti a fine girone. Significa vincere almeno quattro gare e pareggiarne due. Per una squadra che ha vinto solo due volte su undici gare, è pura utopia. Quindi? Beh, le prospettive non son buone e pensare ad una fine ingloriosa non è essere pessimisti, ma realisti. Più realisti del re. Inoltre, con quali soldi fare la campagna acquisti a dicembre? E poi, quali giocatori potrebbero accettare una situazione così compromessa  a fine girone di andata? Andrebbero invogliati a suon di "lilleri". Ad averne. O a volerne spendere. E, in più, ne occorrerebbero diversi in tutti i reparti. Insomma, c'è poco da stare allegri. Siamo troppo pessimisti? Beh, meglio un pessimista vivo che un ottimista morto. Da vivi si può cambiare idea. Da morti, no.
Solo chi attraversa il deserto, raggiunge l'oasi

Saint Just

pessimista...ottimista....so depresso  :'(

 :-\
Nella buona  e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai.

Ha più valore, un milione di volte, la vita di un solo essere umano che tutte le proprietà dell'uomo più ricco della terra.   ( E. Guevara )

Saint Just

https://www.perugianelcuore.it/index.php?topic=153.msg1632#msg1632

quando venivo schernito....ora è col Gubbio e rischia di salire in B....noi invece con olivieri....
Nella buona  e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai.

Ha più valore, un milione di volte, la vita di un solo essere umano che tutte le proprietà dell'uomo più ricco della terra.   ( E. Guevara )

Saint Just

Nella buona  e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai.

Ha più valore, un milione di volte, la vita di un solo essere umano che tutte le proprietà dell'uomo più ricco della terra.   ( E. Guevara )

stefano suprani

Dicevi anche che ti tenevi Sgarbi tutta la vita per Gondo. Forse era meglio scambiarlo....

Saint Just

Citazione di: stefano suprani il 31 Ottobre 2022, 08:30:41Dicevi anche che ti tenevi Sgarbi tutta la vita per Gondo. Forse era meglio scambiarlo....

mai parlato di scambio con Gondo....se si linkami dove...
terrei Sgarbi certo infatti nonostante questo anno stia sbagliando tanto non è lui il problema, ma l'aver smantellato tutta la squadra come ogni anno
Nella buona  e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai.

Ha più valore, un milione di volte, la vita di un solo essere umano che tutte le proprietà dell'uomo più ricco della terra.   ( E. Guevara )

stefano suprani

Il Perugia di quest'anno, come direbbe il buon Bersani con le parole di Crozza, è questa roba qua e non si puo' certo prendere ad esempio la partita di Reggio Calabria dove i padroni di casa con una certa sufficienza hanno tirato 30 volte in porta incappando nella giornata di grazia di Gori e segnando solo due gol, mentre noi abbiamo tirato 3 volte con una percentuale di realizzazione del 100%. I numeri ci dicono che è l'eccezione che conferma la regola, mentre ieri la prestazione è stata in linea con tutte le altre partite giocate. Sempre guardando i numeri che non sbagliano quasi mai, possiamo ricavare il dato che dopo 11 giornate chi era ultimo in classifica negli anni scorsi è retrocesso direttamente in terza serie e quindi è assai probabile che cio' avvenga anche quest'anno, sopratutto se si tiene conto che il mercato di riparazione servirà solo a fare movimenti per generare profitti ai procuratori e di conseguenza anche a qualcun altro, non certamente per rinforzare una squadra che ha bisogno di essere completamente ridisegnata in tutti i reparti con almeno 4 o 5 innesti di grande qualità, giocatori che costerebbero denari e che sarebbe comunque difficile convincerli a venire in una piazza che è destinata a retrocedere, il Vicenza dello scorso anno, dotato di budget importante, non riuscì a fare mercato per questo motivo.
Penso che nella frustrazione generale le energie dei tifosi e della piazza debbano concentrarsi unicamente nel cercare in tutti i modi leciti e possibili affinchè questo signore lasci definitivamente la nostra città per tornarsene nelle campagne romane, si attuino tutte le proteste possibili, si sensibilizzi l'amministrazione comunale e anche i giornalisti locali, il tempo del buonismo e delle mediazioni è finito, chi continua a creare ridicoli alibi a questa proprietà non ama il Perugia e non fa il suo interesse. Ripartire dalla serie C con un altro padrone sarebbe molto meglio che rimanere in serie B con questo, capiamo questo concetto e forse cominceremo a vedere un po' di luce in fondo al tunnel.
Prendersela con i giocatori perchè sono scarsi o con Castori perchè non si dimette sono tutti pretesti per nascondere il vero male oscuro che ci attanaglia da anni, se i giocatori non sono all'altezza non è colpa loro, se Castori non si dimette lo fa perchè di mestiere fa l'allenatore e deve portare a casa lo stipendio come tutti e se a fine partita dice cose non condivisibili è perchè deve difendere i suoi giocatori come farebbe un buon padre di famiglia con i figli. Non tiriamo fuori nemmeno l'arbitro che è stato mediocre in parecchie decisioni ma alla fine non solo non ha inciso sul risultato, ma ha certamente favorito il Perugia e non il Cittadella, esagerato il secondo giallo a Iannoni certo, ma c'era un rigore con espulsione non sanzionato e sopratutto, nessuno lo ha notato, un fallo da rosso diretto di Dell'Orco su Beretta colpito in faccia con la gamba alta.
Ieri abbiamo ricordato Renato Curi, stava per morire e voleva rialzarsi dalla barella per giocare, quanto era attaccato alla maglia, quanto bene voleva ai suoi compagni, alla squadra, ai tifosi, alla città ? Tanto , troppo forse per quei giornalisti e quei tifosi che oggi difendono questa società, ed è per questo che caro Renato ti chiedo scusa.

Saint Just

#7
Citazione di: stefano suprani il 31 Ottobre 2022, 08:30:41Dicevi anche che ti tenevi Sgarbi tutta la vita per Gondo. Forse era meglio scambiarlo....

https://www.perugianelcuore.it/index.php?topic=165.msg2449#new

si, non ricordavo... comunque non è Sgarbi il problema...anno scorso con Sgarbi, Angella, Curado, Dell'Orco, Rosi, Lisi...avevi la difesa meno perforata del campionato...cosa è cambiato se gli interpreti sono gli stessi? L'allenatore, il portiere il centrocampo. Detto che Chichizola e l'arrivista alvini non erano trattenibili, nè De Luca, la differenza la facevano Segre ( che è finito ad una neo promossa in B seppur si chiama Palermo ) e Burrai ( che era tuo e lo hai voluto mandare via )...Castori non ha mai avuto feeling con la squadra e se faticavi con Alvini a segnare con De Luca e Matos , che hai perso e non rimpiazzato adeguatamente, figuriamoci con un gioco di rimessa senza avere nè gente di qualità per lanciare gli avanti nello spazio nè attaccanti capaci di giocare così
Nella buona  e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai.

Ha più valore, un milione di volte, la vita di un solo essere umano che tutte le proprietà dell'uomo più ricco della terra.   ( E. Guevara )