Autore Topic: Meno quattro all'alba.  (Letto 696 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3873
  • Per aspera sic itur ad astra
Meno quattro all'alba.
« il: Venerdì 28 Agosto 2015, 13:02 »
Considerando la giornata odierna, il tempo rimanente a disposizione delle società, per le operazioni di mercato, è di quattro giorni, salvo poi ricorrere a scappatoie legali e soluzioni diverse. Il Perugia dovrebbe chiudere, nelle prossime ore, la trattativa con il Palermo per il mediano/mezzala Francesco Della Rocca, giocatore con un breve trascorso a Perugia nell’infelice era Covarelli. Lo stesso giocatore si dice contento per l’opportunità che gli si prospetta e per la possibilità di un rilancio personale, dopo un lungo periodo negativo, legato al brutto infortunio al ginocchio, e allo scarso impiego in campionato da parte del tecnico Iachini. Ormai fuori dalla “lista dei 25”, Della Rocca torna a Perugia, dicendosi sicuro che la squadra potrà ben figurare in B e che, lui stesso, potrà tornare a dimostrare il proprio valore. Nonostante le difficoltà di operare in un mercato caratterizzato da costi di cartellini e da ingaggi, spesso, esagerati, la Società biancorossa cercherà di accontentare Bisoli, reperendo un secondo centrocampista, da aggiungere a Rizzo, Salifu ed il probabile Della Rocca, tentando di affrontare il problema di natura economica, attraverso le cessioni di Taddei (difficile, per il costo dell’ingaggio pluriennale) e Filipe (più probabile un suo passaggio ad una compagine di C, se non di B). Sarebbe necessario anche l’innesto di un altro difensore (nonostante Bisoli sostenga di sentirsi abbastanza coperto nel reparto arretrato) e di una seconda punta di categoria. Sarebbe tutto, se non fosse per la famosa “spada di Damocle” che pende sul capo di Rosati. Un nuovo stop per squalifica del portiere sarebbe una vera iattura, anche in considerazione del fatto che Zima, secondo di Rosati, spesso potrebbe mancare per le convocazioni in Nazionale. Si dovrà cercare un quarto portiere, quindi? Speriamo di no, altrimenti si avvererebbe quanto profetizzato da Bisoli, ovverosia che per vincere spesso non servono le punte ma un terzo, o un quarto, portiere affidabili (nel mirino Frison del Catania). A semplice titolo di chiacchiera da bar riportiamo un presunto interessamento del Perugia per altri due palermitani: il primo è Maresca, 35enne con trascorsi ad alti livelli in serie A, Juve compresa, destinato però a fare cassa negli USA, come riporta il sito palermo.gds.it, il secondo potrebbe essere Bolzoni, reduce da un intervento al tendine d’Achille, probabilmente fuori portata per le tasche del Grifo, ma anche lui sembra fuori dalla lista di 25. Stanno sfumando tutti gli altri veri, o presunti, obiettivi del Perugia per ciò che riguarda il centrocampo: Buchel va all’Empoli, forse Acri DS rossoverde porterà Signorelli alla Ternana, quindi per non far torto alla Pro Vercelli, l’Empoli girerebbe ai piemontesi Ronaldo Da Silva. Il Perugia, secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, un paio di giorni fa avrebbe chiesto al Carpi informazioni su due ottimi elementi di centrocampo: Bianco e Porcaro, artefici della promozione in A dei romagnoli; sembra, però, che il Carpi non sia interessato a darli in prestito, ma a monetizzare con la cessione a titolo definitivo, inoltre, i due, sarebbero restii a lasciare la A appena conquistata; forse lo farebbero a fronte di un sostanzioso contratto economico, quindi il Perugia, nell’eventualità dovrebbe affrontare un doppio esborso: cartellino-contratto. Si dice che, nella vita, le vie del Signore siano infinite. Nel calcio la via più facile per ottenere qualcosa, anche se ciò non è assiomatico, sono i soldi, utilizzati in modo lecito e, ahinoi, spesso illecito; tuttavia c’è anche chi riesce a far bene senza ricorrere a “emorragie di denaro”, che molte volte risultano pericolose. Questo riesce bene a chi ne sa di calcio, ha l’occhio lungo, programma per tempo, sa come muoversi, si avvale di collaboratori competenti ed ha gli agganci giusti. Chissà quindi che, anche quest’anno, spendendo poco ed operando con sagacia, la Società non riesca a mettere insieme una squadra di medio-alto livello? Per saperlo basta avere pazienza, almeno fino alla sera del 31 agosto, salvo proroghe di richieste di pazienza che potrebbero essere necessarie fino a gennaio 2016.