Autore Topic: Deutschland uber alles ... grazie a serietà e programmazione  (Letto 2150 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3095
  • Per aspera sic itur ad astra
Deutschland uber alles ... grazie a serietà e programmazione
« il: Mercoledì 09 Luglio 2014, 17:28 »
Deutschland uber alles ... grazie a serietà e programmazione (sconosciute in Italia). Lo strapotere tedesco mostrato ieri contro il Brasile non è frutto né del caso né dell’improvvisazione. In Germania è da tempo che, a livello calcistico, hanno cambiato politica e strategie societarie, ed il denominatore comune è racchiuso in un’unica parola: programmazione, termine, questo, che in Italia è ben lungi dall’essere compreso. Da noi interessano solo i proventi derivanti dai diritti televisivi, dalla pubblicità e dagli sponsor. Paradossalmente (e provocatoriamente) abbiamo l’ardire di sostenere che l’unico innovatore in campo calcistico, in Italia, sia stato Macalli (sic!). Incentivare l’impiego dei giovani, come si fa in serie B e in C, è l’unica strada per coltivare e crescere i futuri campioni nostrani. Invece in serie A, non solo c’è chi si augura la riduzione del numero di squadre, ritornando a 16 (per meglio spartirsi la torta), con la scusa di dare più tempo alla Nazionale per la preparazione alle competizioni, ma addirittura spinge per l’apertura totale agli extracomunitari senza limiti, aggiungendo poi che l’impiego dei giocatori italiani avvenga solo in B e C. Qualcuno dovrebbe far notare, a questi ingordi padroni del calcio nostrano, che nella Germania che ha strapazzato il Brasile almeno sei giocatori provengono dalle giovanili e dall’Under 21. Giocatori che hanno fatto la trafila dalle giovanili fino alla prima squadra ed ora fanno la fortuna dei clubs di appartenenza e della nazionale tedesca. Molti poi sono naturalizzati o nati e cresciuti in Germania. Storie di immigrazione e di inserimento nella società tedesca, basta leggere i profili dei giocatori impiegati da Löw. E in Italia? Nulla di più che qualche oriundo e per giunta nemmeno chissà che. Di giovani in prima squadra nemmeno a parlarne, se non qualche rara eccezione. Del resto le squadre di vertice del campionato nostrano hanno in rosa decine e decine di stranieri che occupano ruoli chiave, impedendo ai nostri giocatori di fare esperienza e giocare, anzi per giocare devono emigrare (vedi Immobile o Verratti). In Germania hanno cambiato politica, niente acquisti se i conti non sono a posto, investimenti sui settori giovanili, e tanto lavoro durante gli allenamenti. Ci chiediamo come potessero correre in quel modo i tedeschi in semifinale, dopo aver disputato il girone di qualificazione, gli ottavi e i quarti. Ma sono marziani, oppure hanno preparatori e allenatori più capaci di quelli che hanno accompagnato gli italiani in vacanza in Brasile? Fabio Caressa, giornalista di Sky, che per anni ha seguito il calcio tedesco, ieri notte, dopo la batosta subita dai verderoro, ha spiegato come negli ultimi anni i tedeschi abbiano avuto il coraggio di cambiare tutto (intanto hanno avuto la serietà di mandare in galera l’ex patron del Bayern, Hoeness,  e di imporre leggi rigide su importazione di stranieri, amministrazione dei bilanci delle società calcistiche (che se non a posto non possono fare acquisti e quindi possono contare solo sui giocatori costruiti in casa) e su come gli allenamenti delle squadre siano durissimi, per prepararsi ad affrontare meglio campionato e coppe. In Italia non si curano più i vivai, si preferisce comperare il giocatore “fatto” all’estero, perfino le squadre “Primavera” sono farcite di giocatori stranieri. Invece di chiedersi come sia possibile che nazionali come Costa Rica, Svizzera, Belgio siano andate più avanti della nostra, in Italia si discute e si litiga su chi debba essere il prossimo “boss” del calcio azzurro. Sicuramente sarà un “vecchio” sensibile alle logiche economiche delle “grandi”, che se ne fregano della Nazionale e dei giocatori italiani, altro che …
« Ultima modifica: Mercoledì 09 Luglio 2014, 17:32 da Grifagno »

Offline Saint Just

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 1734
  • Liberté, Égalité, Fraternité
    • PERUGIANELCUORE.it
Re:Deutschland uber alles ... grazie a serietà e programmazione
« Risposta #1 il: Mercoledì 09 Luglio 2014, 21:17 »
concordo in tutto.... :-* :-* :-*
nella buona e nella cattiva sorte la bandiera del Grifo non si ammaina mai

Offline dino

  • Grifone
  • **
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 139
Re:Deutschland uber alles ... grazie a serietà e programmazione
« Risposta #2 il: Venerdì 11 Luglio 2014, 07:38 »
...purtroppo è così... :-* :-*

Offline Red Baron

  • Grifone
  • *
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 3
Re:Deutschland uber alles ... grazie a serietà e programmazione
« Risposta #3 il: Lunedì 21 Luglio 2014, 21:09 »
 :-* gia' e chissa' le figuracce che faremo ancora a livello di nazionale a meno che la fortuna non ci assista ... :'(....