Autore Topic: Sassolini 2  (Letto 61 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Casavecchia

  • Amministratore
  • Grifone
  • *****
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 2395
  • Per aspera sic itur ad astra
Sassolini 2
« il: Domenica 03 Giugno 2018, 23:17 »
Chissà che diranno a Cittadella? O a Venezia? E già perché dopo appena un risultato negativo a Terni, quando mi permisi di dire che il Cittadella era una società da imitare, i soliti noti ne approfittarono per le solite battute ridicole. Ebbene il Cittadella è costato meno del Perugia, ha giocatori di proprietà e il monte ingaggi è inferiore. Chissà quando lo capiranno a Perugia? E che dire del Venezia, che dopo la Spal,  o il Sassuolo, o tante altre, non ha smontato la squadra vincente, ma con pochi ritocchi rischia di andare in A o comunque disputa i play off da quinta? Il Perugia ha dimostrato di essere una squadra inadatta a svolgere un ruolo da protagonista, piena di ex calciatori, fisicamente a terra, psicologicamente inesistente. Tre allenatori, uno più perdente dell'altro, una società che pensa solo a fare cassa e a "tenere i conti a posto". Sappiamo quali! E ci sarà chi dirà, come al solito: ricordiamoci dove eravamo, ricordiamoci i fallimenti, ecc. Io mi ricordo la A, la coppa Intertoto, veri allenatori sulla panchina e dirigenti meno chiacchieroni ma più concreti. Adesso sentiremo le solite lagne sull'arbitraggio e sulla sfortuna. E magari anche la solita conferenza nella quale ci diranno che ci riproveremo, che cercheremo di fare meglio, che abbiamo il sesto budget della B, che la colpa è dei tifosi, dei siti web, dei giornalisti o di chi getta palate di merda su calciatori o allenatori. E sì, perché gli allenatori li abbiamo scelti e poi esonerati noi, mica la coppia Santopadre - Goretti. E i giocatori, come Brighi e Emmanuelle, li abbiamo venduti noi, per prendere un inutile, tatticamente parlando, Gustafson, per farlo giocare mezzala. Ancora un anno perso, una squadra da rifare, giocatori da rendere ai legittimi proprietari ed altri da vendere per il solito discorso sulle plusvalenze. Speriamo non si riparta con Nesta, il quale già ieri sera ha buttato le mani avanti, parlando di una sua possibile permanenza, quando ha detto che non si poteva pronunciare su quali giocatori avrebbe gradito, visti i tanti prestiti. Discorso prematuro. E già, a Perugia, il mercato lo fanno a fine agosto... Per carità... Il suo arrivo sulla panchina del Grifo? Inutile se non penoso tentativo di scuotere l'ambiente. Terzo allenatore stagionale che non  si è dimostrato capace di inventarsi niente. Un calcio rimasticato, con uomini penosamente deambulanti  in campo, spesso fuori posizione. E due! Dopo averci azzeccato con Serse, ho preso anche il fallimento stagionale degli obiettivi societari. E spero che non ci sia ancora qualche sapientone che mi venga a dire che i giocatori sono mercenari e gli allenatori tutti uguali. Venturato e Inzaghi non mi sembrano tanto uguali a Giunti, Breda o Nesta. E magari scopriremo che solo il PERUGIA ha i giocatori mercenari, mentre gli altri quelli buoni. Magari presi con poco in C. Per quel che si è visto anche Entella e Ascoli hanno giocato con una grinta ed una determinazione migliore di quella del Grifo. Ah, dimenticavo:
1) a Brescia non è successo nulla
2) i giocatori non hanno mai litigato
3) non c'è mai stato un problema con Giunti
4) Breda è stato allontanato perché aveva normalizzato troppo la situazione e non meritava di disputare i play off
5) abbiamo perso per colpa dei gufi (Siamo nel  terzo millennio, abbiamo scoperto che non esistono i fantasmi, i vampiri e le streghe, vi informo che non esistono i gufi, se non come uccelli appartenenti all'ordine degli Strigiformi)
6) non vinciamo perché non gridiamo terni merda
7) la colpa è dell"arbitro che non ha dato la punizione su Cerri
8 ) dovevamo gridare Forza Grifo, più forte.
9) gli allenatori sono tutti uguali
10) i giocatori, quelli del Grifo, che vengono scelti da presidente e direttore, sono tutti mercenari
Giocate al vero o falso. Chi indovina almeno 7 risposte è un vero tifoso. Sotto sette siete dei menagrami, non volete bene alla società e dovete tifare Unicusano.
« Ultima modifica: Lunedì 04 Giugno 2018, 07:07 da Marco Casavecchia »

Online grifogatto

  • Grifone
  • ***
  • Data di registrazione: Ott 2013
  • Post: 385
    • www.enrico-gatti.com
Re:Sassolini 2
« Risposta #1 il: Domenica 03 Giugno 2018, 23:47 »
Ecco: l'evo ditt'io che schiodava...
Grifagno ha aperto le cateratte: Leo, ce sente?
Certo che mi sarebbe piaciuto vedere cosa sarebbe riuscito a fare Serse con questo gruppo, invece non lo sapremo mai, e ci attenderà un nuovo inizio...

Offline bau bau micio micio

  • Grifone
  • ***
  • Data di registrazione: Ott 2017
  • Post: 335
Re:Sassolini 2
« Risposta #2 il: Lunedì 04 Giugno 2018, 08:45 »
Tutto vero quello che dici tu Marco.Sono tutte cose logiche.Però il problema è che ogni società svolge il suo lavoro a modo loro, giusto o sbagliato.Quindi si può parlare all infinito, fino a che rimane questa società sono solo parole al vento.Secondo me è ora di cambiare, Santopadre deve togliere le tende da Perugia, ha fatto il suo tempo.Ormai il giocattolo si è rotto, il Presidente è in uno stato confusionale, cambiando allenatore ad una giornata dalla fine. Forse anche con Breda si andava fuori, però il boccone era meno amaro di ora con Nesta.Il quale Nesta mi sembra un pò montato.Non è che ti chiami Nesta, poi con solo il nome più o meno famoso si diventa un allenatore importante. Si sono fatte milioni di parole con questa società, però siamo sempre punto ed a capo. Con Cosmi si poteva fare meglio? Tutto questo non lo sa nessuno.Altre realtà calcistiche come il Cittadella, Il Venezia etc etc sono società più brave del Perugia nello scegliere allenatori e giocatori? Nessuno lo sa, perchè ogni società svolge il suo lavoro a modo suo. Si vede che a Perugia con questo Presidente meglio di così non si può fare. Certamente la serie B al Perugia con tutto il suo passato più o meno glorioso gli rimane un pò stretta.Però non diamo tutte le colpe agli allenatori, anche i giocatori hanno in gran parte le loro colpe. Caro Gatto ormai conosco Marco meglio di te e so come la può pensare.